Il Paradiso delle Signore, quando la fiction diventa soap opera

di Antonio Ruggiero Commenta

La fiction di successo Il Paradiso delle Signore dalla prossima stagione televisiva diventa un appuntamento quotidiano nel pomeriggio di Rai 1

Cambiamenti in vista per il Paradiso delle Signore, che dalla prossima stagione televisiva diventa un appuntamento quotidiano in onda su Rai 1 abbandonando i connotati di fiction per diventare una soap opera.

Il più elegante grande magazzino di Milano ha riaperto le porte a tante nuove storie e a un cast rinnovato: esce di scena Giusy Buscemi, tornano Alessandro Tersigni ed Alice Torriani, volti amati delle prime due stagioni e accanto a loro ci saranno Roberto Farnesi, Gloria Radulescu, Giorgio Lupano, Vanessa Gravina, Neva Leoni, Giulio Corso e Francesco Maccarinelli.
Con la regia di Isabella Leoni, Marco Maccaferri, Riccardo Mosca e Francesco Pavolini, ancora una volta il Paradiso delle signore torna a essere il luogo dove si intrecciano i destini di uomini e donne che vivono lavoro, passioni e sentimenti.
La fiction è ambientata a Milano nel 1959, dopo quasi tre anni dalla tragica morte di Pietro Mori e ora il suo migliore amico Vittorio Conti (Alessandro Tersigni) ha un sogno: riaprire il Paradiso delle signore rendendolo nuovamente un punto di riferimento, capace di anticipare le mode ma soprattutto di realizzare i sogni delle donne che vi entrano.

Un’impresa resa possibile grazie al finanziamento di una potente famiglia milanese, che in realtà minaccia segretamente il successo dell’operazione. Ambientato nel pieno del boom economico, il Paradiso delle signore in versione daily racconta principalmente le donne, i sogni, i desideri, i conflitti, la voglia di emancipazione, le diverse forme di vivere la famiglia e il lavoro in un’epoca di grandi cambiamenti e di importanti trasformazioni sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>