Beautiful, Susan Flannery: la star mondiale del daytime

di Valentina Russo Commenta

E’ la regina del daytime di importazione, il volto più famoso dei nostri pomeriggi trascorsi davanti alla tv a snocciolare soap, la donna che ci ha regalato colpi di scena e battaglie all’ultima trovata diabolica senza arrestarsi mai: quello di Stephanie Forrester è un personaggio ben scritto e mai noioso, il cui successo si deve alla storica interprete Susan Flannery.

Protagonista indiscussa da oltre un ventennio della narrazione seriale più famosa al mondo, Beautiful, la Flannery con il ruolo della matriarca della Forrester Creations, grazie all’importanza acquisita all’interno della trama più intricata ed incestuosa del panorama televisivo internazionale, ha vinto tre Emmy  Awards come miglior attrice protagonista (nel 2000, 2002 e nel 2003) e ha ottenuto decine di nomination tra Emmy e Soap Opera Digest Awards. Premi mirati a sottolinearne dedizione al ruolo (soprattutto da cattiva) interpretato nella serie drammatica e a glorificarne il talento che il suo timbro recitativo e il suo portamento assicurano alle scene quando a calcarle sono il suo sguardo severo e il carattere duro da vera forza della natura da scatenare sui set della casa di moda e tra le diramazioni dell’albero genealogico che ne anima le stanze.

Nata negli Stati Uniti nel  1939, lo scorso 31 luglio ha compiuto 72 anni e dal desiderio di giovanissima di intraprendere la carriera da attrice ai successi raggiunti fino ad oggi sono molte le interpretazioni che segnano il suo curriculum. Non appena terminati gli studi in arti teatrali, la Flannery va ad Hollywood ed inizia subito a saltare di serie in serie, collezionando ruoli di grande popolarità e riconoscimenti di critica. Dopo gli esordi come Edith Nelson in  Voyage to the Bottom of the Sea tra il 1964 e il 1965, è Laura Horton in Days of Our Lives dal 1966 al 1975, Leslie Stewart in Dallas tra il 1980 e il 1981, viene ingaggiata in Beautiful sin dalla prima puntata nel 1987 e col personaggio di Stephanie compare anche in Febbre d’amore nel 1993. Apparizioni si contano anche in altri prodotti televisivi, al cinema così come dietro la macchina da presa. Alla Flannery va, infatti, anche il merito di essere produttrice e regista: ha creato la soap A New day in Eden e ha curato episodi di Beautiful. Una passione questa della regia che si aggiunge a quella per il volo (ha una licenza come pilota) e a quella per la cucina. Attrice talentuosa dal carisma empatico, penetra il piccolo schermo lasciando un segno indelebile nell’immaginario narrativo dei telespettatori della soap dei Bell, telespettatori che la ricorderanno sempre per l’interpretazione straordinaria di Stephanie Forrester.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>